• Pubblicata il
  • Autore: Matrix
  • Pubblicata il
  • Autore: Matrix

On the bus - Varese Trasgressiva

Ciao, non mi ritengo particolarmente attraente ,ma volevo raccontarvi quanto mi e’ accaduto.
Era una sera come tante e mi recavo alla fermata dell’ autobus per tornare a casa dal lavoro, come tutte le sere da parecchi anni a questa parte.
Nonostante fossero le cinque e mezza era ancora chiaro e la giornata era assolata e calda, nonstante fosse ancora inverno.
Finalmente arrivo’ l’ autobus , e nonostante fosse piu’ pieno del solito riuscii a salire “accomodandomi” in un angolo pressato dagli altri passeggeri.
Tutto normale sino a quando mi sembro’ di sentire una mano palparmi il fondoschiena.
Credendo fosse una mia sensazione controllai la tasca con il portafoglio e non ci pensai piu’.
Passarono alcuni minuti e sentii di nuovo la mano palparmi.
Mi girai e dietro di me notai un uomo sui cinquantanni ben vestito che sorrideva maliziosamente.
Non so perche’ ma la vicenda stava cominciando a incuriosirmi e decisi di continuare a fare finta di niente.
Passo’ qualche attimo e stavolta in modo chiaro e inequivocabile la mano mi ripalpo’ soffermandosi nel solco tra le natiche .
Continuai a rimanere immobile , quando complice una frenata un po’troppo brusca, mi ritrovai il gentile signore che stava appoggiando il suo membro al mio fondoschiena.
Non so perche’ , ma invece di spostarmi indietreggiiai sino a strofinare il mio sedere sul suo membro che sentii duro dentro i suoi pantaloni.
Eccitato da questa strana sensazione spostai una mano , con la scusa di controllare nuovamente il portafoglio , e sfiorai il membro del cinquantenne.
Il quale prese la palla al balzo e mi sussurro’ che lui sarebbe sceso al capolinea.
Il capolinea e’ in una zona periferica , senza abitazioni intorno.
Decisi di scendere anch’io al capolinea per vedere cosa sarebbe successoi.
Giunti al capolinea il cinquantenne si avvio’ su una stradina di campagna che costeggia l’ autostrada , lo seguii un po’ titubante a una certa distanza incerto sul da farsi.
Lo perdei di vista dietro una curva, ma quando vi giunsi trovai una sorpresa.
L’ uomo era li’ ad aspettarmi con l’ uccello in mano gia’ in tiro ; mi guardo’ con una espressione inequivocabile e mi ordino’ di prenderlo in bocca.
Mi avvicinai e cominciai a leccare prima l’ asta e poi la cappella , ma lui bloccandomi il viso e me lo schiaffo’ in gola.
Mi scopo’ in bocca , sino a quando decise di sborrarmi in faccia dandomi della troia.
Finito, mi saluto’ dandomi appuntamento sulla stessa linea di autobus promettendomi che la prossima volta mi avrebbe scopato nel culo.

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!
30/03/2007 19:00

CABRIOLET

si ma la mamì è solo una giardinetta, io sono una spider

30/03/2007 18:40

X il morto

Dai, non fare il pirla, sennò la gente perde il filo del discorso! Ok?

30/03/2007 18:21

il morto

Qualcuno sa gentilmente, e mai per comando,dirmi che ore sono, di grazia? sentitamente ringrazio

30/03/2007 18:21

il morto

Qualcuno sa gentilmente, e mai per comando,dirmi che ore sono, di grazia? sentitamente ringrazio

30/03/2007 18:21

il morto

Qualcuno sa gentilmente, e mai per comando,dirmi che ore sono, di grazia? sentitamente ringrazio

30/03/2007 18:21

il morto

Qualcuno sa gentilmente, e mai per comando,dirmi che ore sono, di grazia? sentitamente ringrazio

30/03/2007 18:21

il morto

Qualcuno sa gentilmente, e mai per comando,dirmi che ore sono, di grazia? sentitamente ringrazio

30/03/2007 18:21

il morto

Qualcuno sa gentilmente, e mai per comando,dirmi che ore sono, di grazia? sentitamente ringrazio

30/03/2007 18:21

il morto

Qualcuno sa gentilmente, e mai per comando,dirmi che ore sono, di grazia? sentitamente ringrazio

30/03/2007 17:16

Per CABRIOLET

Pensa è la stessa cosa che dice sempre tua madre!

30/03/2007 14:50

CABRIOLET

sono sempre aperta, qualcuno fà un giro con me?

30/03/2007 13:10

maschione

Lecco creme di cappelle a pagamento, solo contanti e assegni circolari non trasferibili, astenersi perditempo e assegni ballerini

30/03/2007 12:02

giò

solo una precisazione hai 50 anni e ancora non hai imparato i verbi....? SI DICE LO PERSI E NON LO "PERDEI"

30/03/2007 11:45

Avvocato Agnelli

Si pavla di movti? eccomi..... quel bastavdo di matevazzi deve movive, cosi come tutti gli intevisti! A pvoposito, non avete mica un pezzo che nella tomba lapo non mi raggiunge!

30/03/2007 11:22

il becchino

E' l'ora che te ne ritorni nella tomba, maledetto

30/03/2007 11:20

il morto

Qualcuno sa gentilmente dirmi l'orario, per favore'

30/03/2007 11:16

Al Capone

e tu sei solo chiacchere e distintivo, chiacchere e distintivo

30/03/2007 09:19

Moggi

Cobolli chi? sei solo una marionetta, UNA MARIONETTA!

29/03/2007 18:33

Cobolli Gigli

gli Interisti sono pezzi di merda, ma i francesi sono tutti culattoni. anche il nostro trezegol.

29/03/2007 17:43

Zidane

Oui oui, Matrix è quel figlio di puttana di materazzi! Interista pezzo di merda!

28/03/2007 19:20

Sig. Cunningam

Arthur, stai calmo, matrix lo conosco, è un noto mitomane!

22/03/2007 19:02

Fonzie

Eeeeeeeeeeeeeeehi........... ma come cazzo stai? sei più malato di ralph malf! esagera la caldaia e ucciditi!

21/03/2007 09:39

FABIETTA

guarda che è solo nei film anni '50 che i capolinea degli autobus sono fuori città a contatto con la campagna.....a meno che tu non stia raccontando un incontro di qualche decennio fà......P.S. il passato remoto del verbo perdere è PERSI non PERDEI.

17/05/2007 19:07

babi(^_^)

Ma invece di palpare una bella femmina ti fai FARE da un vecchio???

03/04/2007 23:07

DIDA

Scusate, sono brasiliano e mi piace prenderlo in culo! ormai sono un ex giocatore, scusate.

02/04/2007 16:27

X CABRIOLET

Lo sappiamo che tua madre è una giardinetta; ampia e spaziosa, con un baule davvero capiente.......

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati